Alberghi

Porto dentro me alberghi tristi 
sale d’aspetto vuote, luci pigre
 
ed un bagaglio a mano abbandonato
Un portinaio spolvera la noia
Affondo in un divano dentro un whiskey
Con volto da puttana s’avvicina
quel che mi resta ancora della vita
Le stringo i seni e strappo via la buccia
 
-permette questo tango, mia signora?
Lei beve dalla bocca che vi parla
-tu porta la mia carne dove credi
Sussulta e mi conduce dove vuole
Per terra lascio frangere il bicchiere
.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: