Cose a forma di felicità

Un pallone tra due mattoni
a rotolare un gol infinito,
senza mai muovere la rete

Un rumore di mezzanotte
che sapevi avere barba bianca,
sentito ad occhi strizzati

Biscotti affondati
in una colazione di vetro verde,
sotto gli occhi ancora e già svegli di nonna

Il suono svelto
dell’ultima ora del sabato,
alla prima mattina di maniche corte

La testa tra la sua pancia
e il cielo di san Lorenzo,
fingendo di non avere altro cuscino.

Appagati nella sete che secca le parole.

L’attesa. Gioia. Di una risposta che già si sa.

Finché crescono in noi stupidi accademici
a cercar prove della sua esistenza.

Dio, la felicità…

Svanisce l’attimo in cui la si cerca.

Abbuffàti senza fame di surrogati cui si usa nome di serenità.

L’attesa. Angoscia. Di una risposta che non si avrà.

Persa
come quel pallone
che non ritornò

Fuggita
con quell’uomo panciuto, di soppiatto
la notte di Natale

Stanca
come corpo vitreo di vecchi
inumidito dai giorni

Rotta
come quella campanella
che, ruggine, non suona più

Sgretolata
come frammento celeste a contatto con l’atmosfera,
che credevi desiderio d’agosto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: