Storia di un omino

Camminava la vita un omino timido di speranze
custode geloso di disegni abbozzati
Coprì il suo pudore vestendosi di un altro corpo
Fu una lunga notte
Il mattino lo scoprì solo, e nudo
Nudo
come di fronte a tutti gli occhi che avrebbe incontrato
di una madre stanca
di un passante allegro
di un amore randagio
di un gatto annoiato
Via, lontano dagli occhi l’omino fuggì
Esiste vita dove nessuno può vederla?
Lacrime nel frangersi bianco dei flutti
Un sospiro nel fiato cobalto del vento
Svanirono le vergogne del vissuto nel rosso silenzio di un’alba
L’omino è parte del tutto, lontano dai sensi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: