La solitudine del tricheco

Tremendo ammasso di grasso
stremato sui ghiacci dell’artico
al sole viola di un altro giorno
senza tramonto
ad aspettar paziente il canto
di chi s’amorerà della sua calma

Tra distese ipotoniche di mammiferi
allungò più lunga la sua ombra
trascinandosi verso di lei
ché furon occhi negli occhi.

Nelle avoree zanne la condanna
d’impedire il bacio senza ferirsi.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: