Assenze

Sei stata vita che a vita invita

Ora ti confondi nel volo degli angeli
Candore trai cumuli di nembi che t’abbracciarono
quando troppo leggera sfuggisti alla gravità carnale
Scia di cometa nelle notti d’inverni senza luci

Nell’eco amaro dei miei ricordi più dolci
Suono celeste del paradiso che t’accolse
quando nuova bellezza mai contemplata contemplò
Sibilo del vento fresco di mattine di brina

Proteggermi dalla tua assenza

Per sempre i rintocchi degli attimi in te vissuti indicheranno i miei passi terreni
Nell’attesa che la fine dei tempi mi riconsegnerà al tuo bacio etereo

Come sarebbe a dire non sei morta ancora?
No no, prima mueri. Ci tengo

http://www.youtube.com/watch?v=vSapQB69k-8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: