È Natale

Non c’è abbastanza neve
ché possa essere candore prima di sciogliersi.
Luci blu e capelli d’argento
scivolano il profilo della piazza del centro.
Aneliti d’anima vestiti di fiato
si trascinano e condensano nell’aria.
Nascosti dietro ai baveri alzati
cacciatori senz’armi
di un altro regalo da non dare.
Avvolti in abitudini e shetland
passanti infeltriti,
senz’altro orizzonte del guardo
che il pavé dove scricchiolerà il prossimo passo.
Ciondolano addobbi di strani alberi genealogici:
sono padri e mariti
di speranze invecchiate alla fermata del 13
e solitudini fedeli,
sono madri e spose
di figli avuti in prestito al tavolo verde del destino
e del loro ricordo,
sono figli
di amori che lasciano incinti per sempre
di qualcosa che non nascerà.
Natale.
Suona una nenia
resa metallo dai nostri anfratti umidi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: