Valigie (Il tempo di un saluto)

Chiedersi
se ciò ch’è stato sia giusto,
o sia sbagliato
La nostalgia,
a far finta che sia tutto passato
Contare dieci gocce
e poi, d’un fiato, berle
Nella valigia, stretto,
c’è il peso di restare
Il tempo di un saluto…
Ciao a te, ragazza scalza,
che non t’ho mai guardato
E a te, vecchia signora,
che, lume di candela,
è cera ogni tua ruga
e vegli ogni mia sera
Mi pare sia settembre,
o è la vita intera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: